All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
20+ ANNI
di storia e passione
750+ Studenti
formati con successo
150+ Spettacoli
su altrettanti palchi

venerdì 4/4/08 (ore 21.30)

 
Incontro con il regista Stefano Odoardi
*UNA BALLATA BIANCA* di Stefano Odoardi

con Nicola e Carmela Lanci, Simona Senzacqua [Italia, 78′] Presente in numerosi Festival in tutto il mondo, per il suo film Stefano Odoardi si è ispirato all’omonimo testo teatrale dell’attore, scrittore e regista Kees Roorda, con cui aveva collaborato. Il cineasta italiano (che per la maggior parte dell’anno risiede ad Amsterdam, realizzando corti, video-arte e installazioni) ha radunato quarantamila euro, pellicola scaduta da tempo, un cast che ha lavorato gratuitamente ottenendo diritti sull’opera, e per protagonisti il suo calzolaio con moglie, entrambi ottantenni, sposati da sessanta e ripresi dentro la loro casa, i quali hanno dato al film anche una direzione, in virtù di un quotidiano confrontarsi con la morte. Gli ultimi momenti di un’anziana coppia, un sogno ricorrente, una vecchia casa votata al silenzio di lui e di lei, coppia senza più voce ma con una miriade di ricordi, un confine che separa la morte dai suoi fantasmi, l’età dal suo inesorabile commiato. Un esperimento visivo ed evocativo che sembra ricordarci una dimensione che da Andrei Tarkovsky a Ingmar Bergman ha sempre fatto capolino sul grande schermo, privandosi di effetti speciali e sceneggiature roboanti, lasciando sullo sfondo la complessa semplicità dell’esistenza, attraverso gli occhi di chi l’ha vissuta. Un film che, con poesia ed eleganza figurativa, affronta il congedo finale come un percorso simbolico nella natura.

Related Posts

Leave a Reply