All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
20+ ANNI
di storia e passione
750+ Studenti
formati con successo
150+ Spettacoli
su altrettanti palchi

giovedì 15/1/09 (ore 21.30) – venerdì 16/1/09 (ore 22.00)

 
*GALANTUOMINI* di E. Winspeare
con Donatella Finocchiaro, Fabrizio Gifuni, Beppe Fiorello [Italia, 100′]
Nel paese dove la Sacra Corona Unita è stata sconfitta, il Salento, Winspeare torna a dare visibilità a una terra attraversata da carovane vacanziere ma poco conosciuta nel profondo. L’età dell’innocenza dura sempre troppo poco. Quella di Lucia, Fabio e Ignazio, tre ragazzini che vivono in un paese del Salento, è ormai solo un lontano ricordo. Edoardo Winspeare ce li mostra, in Galantuomini, per un attimo felici mentre s’inseguono, combinano scherzi, scoprono i primi, castissimi turbamenti amorosi. Poi arriva la vita vera, quella dura. Fabio è il più fragile; Lucia la più dura, tanto da arrivare ai vertici della malavita locale, la Sacra corona unita; Ignazio, l’idealista, se ne va a Milano a studiare, e torna molti anni dopo con l’incarico di pubblico ministero a Lecce. Siamo nei primi anni ’90, quando la malavita organizzata, trafficando droga con il Montenegro, tenta il grande salto di qualità. Non è più il Salento dell’infanzia: stessi colori, stesse sterminate distese di ulivi, stesse facciate barocche delle chiese, ma le persone sono cambiate, il denaro facile ha svuotato il senso di ogni cosa. Winspeare produce un’idea di cinema melodrammatico che si nutre della vita, della tradizione e della cultura del Salento: un film regolato dal ritmo rapidissimo di una musica di possessione “pizzicata” alla chitarra, che non riesce a liberare la “tarantata” dal suo male.

Previous PostNext Post

Related Posts

Leave a Reply