All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
20+ ANNI
di storia e passione
750+ Studenti
formati con successo
150+ Spettacoli
su altrettanti palchi

BASTARDI SENZA GLORIA (Inglorious Basterds)

sabato 24/10/2009  (ore 22.00) – domenica 25/10/2009  (ore 21.30)


BASTARDI SENZA GLORIAdi Quentin Tarantino con Brad Pitt, Mélanie Laurent, Christoph Waltz, Eli Roth [Francia/Germania/U.S.A. , 153′]
C’era una volta… nella Francia occupata uno spietato SS cacciatore di ebrei, il colonnello Landa (Christopher Waltz), raffinato, cinico e poliglotta… Solo la diciannovenne Shasanna Dreyfus (Melanine Larent) riuscirà a sfuggirgli, riparando dalla campagna a Parigi, dalle vacche da mungere a un cinema-cineteca da dirigere, bello come un bijoux, zeppo di copie infiammabili, dove preparerà, assieme al suo fido, amato, protezionista nero, la più eccitante e incendiaria delle trappole per gerarchi nazisti mai congegnata, in occasione dell’anteprima mondiale di un kolossal di propaganda. Al sanguinoso complotto partecipano un traditore tedesco, la bionda diva dell’Ufa, e fascinosa spia Bridget von Hammersmark; Archie Hicox, un ufficiale inglese-critico di cinema (Michael Fassbender) e, già dislocato dietro le linee nemiche, un drappello di feroci, spietati e spergiuri cacciatori di scalpi ariani, un mucchio selvaggio di ebrei-americani giustizieri, guidati dal rustico combattente del Tennessee, il tenente Aldo Raine (Brad Pitt) col suo coltello da Rambo. Soldati, ufficiali e cecchini invincibili del Reich li temono come il diavolo. il film è un remake molto libero di Quel maledetto treno blindato di Castellari, al quale Tarantino assegna una piccola parte nel finale. Quentin Tarantino con Bastardi senza gloria firma la sua opera più interessante e «matura» dai tempi di Pulp Fiction. E lo fa recuperando proprio quell’ amore per il cinema che negli ultimi film sembrava scivolare verso la parodia di se stesso, perso dentro un intricato gioco di citazioni e rimandi cinefili. Che ci sono anche qui ma che assumono un nuovo valore e soprattutto una nuova, incontestabile, «necessità» d’autore.
  
Previous PostNext Post

Related Posts

Leave a Reply