All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
20+ ANNI
di storia e passione
750+ Studenti
formati con successo
150+ Spettacoli
su altrettanti palchi

giovedì 13/12/07 (ore 21.30) – venerdì 14/12/07 (ore 22.00)

 
*FACTORY GIRL* di George Hickenlooper
con Sienna Miller, Guy Pierce.
Prodotto dell’aristocrazia wasp del Massachusetts (suo nonno era un giudice importante) che, dalla californiana Santa Barbara, passando per Cambridge, approdò alla scena party-artistica newyorkese dei primi anni 60, Edie Sedgwick era ricca, elegante, irresponsabile e straordinariamente iconica. Non ci volle molto perché questa poor little rich girl, in pelliccia di leopardo, eyeliner e minigonne vertiginose attirasse l’attenzione di Andy Warhol che, nel 1965, ne fece la sua compagna inseparabile e la sua «superstar». Edie venne così risucchiata dalla fabbrica creativa di Warhol senza riuscire a trovare il giusto equilibrio nel mondo effimero dei seguaci di Warhol. Corpo/volto chiave della filmografia warholiana (tra gli altri, Vinyl, Kitchen, Beauty 2, Poor Little Rich Girl…), indecifrabile presenza capace di bucare quei suoi fotogrammi così «impassibili», Sedgwick esemplificò, allo stesso tempo, la celebrazione e la tragica ironia dei «quindici minuti di fama». La vicenda passa attraverso tutta la serie dei luoghi obbligati, dall’ascesa di Edie come superstar dell’underground al suo amore infelice per una grande rock star, dall’abuso di “speed” e droghe assortite al tradimento del pigmalione Warhol. Su tutto la evidente fascinazione per la New York dei Sixities, periodo che il film indica esplicitamente come antesignano dell’attuale società delle apparenze e della celebrità

Related Posts

Leave a Reply