All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
All'interno dei nostri spazi è stato approntato un protocollo anti-covid che consentirà di svolgere tutte le attività teatrali in totale sicurezza.
20+ ANNI
di storia e passione
750+ Studenti
formati con successo
150+ Spettacoli
su altrettanti palchi

(Whatever Works)

 

sabato 10/10/2009 (ore 22.00) – domenica 11/10/2009 (ore 21.30)


BASTA CHE FUNZIONIdi Woody Allen, con Larry David, Evan Rachel Wood, Patricia Clarkson, Ed Begley Jr [U.S.A, 92′, Commedia]

 Woody Allen torna a New York con una commedia che racconta la storia di Boris, un irascibile misantropo (Larry David) e di una giovane, timida e suggestionabile ragazza del sud fuggita da casa (Evan Rachel Wood). Quando i genitori della ragazza (Patricia Clarkson e Ed Begley, Jr.) giungono a New York per salvarla, verranno velocemente e selvaggiamente risucchiati in inattesi intrighi sentimentali. Ma alla fine tutti capiranno che per trovare l‘amore ci vuole una giusta dose di fortuna abbinata alla capacità di riconoscere tutto ciò che potrebbe funzionare. Film minore? Ritorno in grande stile? Chi se ne frega. L’inossidabile coerenza di una filmografia come quella di Woody Allen, malgrado i lamenti di chi lo dà per morto da anni ogni anno (o ripete il refrain del “sempre lo stesso film”), rende oziosa questa distinzione già oziosa di per sé. I’m not a likeable guy and this is not a feel-good movie, afferma Boris all’inizio del film. Si sbagliava, almeno in parte. Sì, non c’è più Duck Soup dei fratelli Marx a far desistere dai propositi suicidi come in Hannah e le sue sorelle (benché Groucho canti sui titoli di testa, quasi un esorcismo), al massimo la leggiadria di Fred Astaire può agire da ritardante, se non si muore è per puro e beffardo caso. Ma questo è un feel-good movie: Allen osa finalmente un happy end totale in cui si glissa sull’ambiguità del motto “whatever works”, principio di piacere o massima cinica, a vantaggio di una serenità insperatamente raggiunta.  

Related Posts

Leave a Reply