UOMINI DI DIO

Pubblicato da Marino Filippo Arrigoni il 3 febbraio 2011 nella categoria Cinema Olimpia Margine Coperta

giovedì 17/2/2011 (ore 21.30) venerdì 18/2/2011 (ore 22.00) 

 

UOMINI DI DIOdi XAVIER BEAUVOIS con con Lambert Wilson, Michael Lonsdale, Olivier Rabourdin, Philippe Laudenbach [drammatico, 120', Francia, 2010]

C’è un paragone che incombe su Uomini di Dio, ed è quello con il celebre documentario Il grande silenzio di Philip Groning. Un paragone letale al box-office, perché non sono poi molti gli spettatori disposti ad entrare metaforicamente in convento per tutta la durata di un film. Ebbene, Uomini di Dio non è un documentario, e non è un film punitivo. È un apologo civile e religioso in forma di film, girato con un pudore degno di Robert Bresson, ma anche con una tensione emotiva e narrativa degna, qua e là, di un thriller. 1996. Algeria. Una comunità di monaci benedettini opera in un piccolo monastero in favore della popolazione locale aderendo all’antica regola dell’”Ora et Labora”. Il rispetto reciproco tra loro, che prestano anche assistenza medica, e la popolazione locale di fede musulmana è palpabile. Fino a quando la minaccia del terrorismo fondamentalista comincia a farsi pressante. Christian, l’abate eletto dalla comunità, decide di rifiutare la presenza dell’esercito a difesa del monastero non senza trovare qualche voce discorde tra i confratelli. Una notte un gruppo armato fa irruzione nel convento chiedendo che si vada ad assistere due terroristi feriti. Dinanzi al diniego vengono chieste medicine che vengono rifiutate perché scarse e necessarie per l’assistenza ai più deboli. Il gruppo abbandona il convento ma da quel momento il rischio per i monaci si fa evidente.



Nessun articolo correlato.





Lascia un commento

Devi essere loggato per pubblicare un commento.