MIA FIGLIA VUOLE PORTARE IL VELO

Pubblicato da Marino Filippo Arrigoni il 19 settembre 2011 nella categoria Varie

TEATRO YVES MONTAND – MONSUMMANO

Domenica 8 Gennaio 2012, ore 21:00

MIA FIGLIA VUOLE PORTARE IL VELOMIA FIGLIA VUOLE PORTARE IL VELO
di Sabina Negri
con Caterina Vertova, Alice Torriani  
regia Lorenzo Loris

produzione Fondazione Teatro Fraschini Pavia/Teatro Out Off

Dopo anni di dibattito sul “velo”, il mondo occidentale torna a interrogarsi sulla propria identità e sulle relazioni con la comunità islamica che vive al suo interno. Al centro della questione le donne musulmane: è ammissibile portare il velo in una società che ha fatto della laicità e dell’emancipazione femminile due dei suoi cardini? Il testo scritto da Sabina Negri è liberamente tratto da: “Lettera a mia figlia che vuol portare il velo” di Leila Djitli, giornalista di origine algerina che vive a Parigi. Il romanzo ha raggiunto la vetta delle classifiche francesi.
Fatima è una donna franco-algerina che si è sempre battuta per l’integrazione, la libertà, i diritti delle donne musulmane. Jasmine è sua figlia, ha venticinque anni, e il giorno seguente si deve laureare in medicina. I preparativi per festeggiare l’importante traguardo, che racchiude in s&eacut; anche il valore dell’emancipazione, sono in corso. Ma improvvisamente Jasmine rivela alla madre che vuole portare il velo. Le sue parole tagliano l’aria, paralizzano i preparativi della festa, fanno crollare le certezze. Fatima inghiotte la rabbia, cerca di dominare la delusione ma deve rinunciare a proibire. Il marito, che è sempre stato estraneo alle loro vite, viene chiamato in causa senza successo. Si riapre così uno scenario sul quale si agitano i grandi temi del rapporto uomo-donna, dell’indipendenza, delle diversità, della fede e dell’integralismo.
Ma, alla fine, le due donne trovano un terreno comune, quello dell’amore e del rispetto reciproco…

prevendita da sabato 7 gennaio



Nessun articolo correlato.





Lascia un commento

Devi essere loggato per pubblicare un commento.