Relazioni

Una commedia brillante allestita per raccogliere fondi a favore diAl Sadaqa”

il ricavato è stato destinato al progetto: “Accoglienza estiva bambini saharawi – estate 2017”

 

Relazioni

con

Riccardo ANCILLOTTI, Viola BENEDETTI, Fabio LUPORINI,

Simona ROSELLINI, Barbara SCRIMA, Ilaria TAVANTI.


 

Libero adattamento di Marino Filippo Arrigoni e Ciro Lenzi ispirati da un testo di Francesca Angeli

REGIA di Marino Filippo Arrigoni

 

Barbara Scrima e Ilaria Tavanti Fabio Luporini e Simona Rosellini Viola Benedetti e Riccardo Ancillotti

Tre coppie di coniugi, eterogenee, curiose, bizzarre, accomunate da una consuetudine che li costringe, loro malgrado, ad incontrarsi ed a scontrarsi ogni fine settimana.

Con un preciso obiettivo da perseguire, ogni componente si troverà ad affrontare, da solo e sempre uno per volta, gli altri membri presenti al solito incontro in casa della coppia più stravagante: due donne ricche, gay e un po’ cafone.

 

In scena tutti attori che in passato si sono diplomati nel Laboratorio teatrale Progetto Idra. Dopo anni di sperimentazione teatrale, basata sulla ricerca e lo sfruttamento delle risorse personali in campo espressivo, il Direttore artistico, nonché responsabile della formazione, si è cimentato con il genere “commedia”, ma creando un situazione abbastanza insolita che la rende godibile per l’originalità, il ritmo e i riferimenti a certe peculiarità della nostra epoca.

relazioni2017 rid

 

L’iniziativa nasce per accogliere i bambini saharawi provenienti dal deserto nord occidentale dell’Africa dove sono rifugiati a seguito dell’occupazione dei loro territori e dove nei mesi di luglio e agosto la vita è resa impossibile dal caldo torrido. Il popolo saharawi vive profugo nel deserto algerino nei pressi di Tindouf, dal 1975, anno in cui la Spagna, paese colonizzatore, si ritirò dal Sahara Occidentale. In quell’anno l’esercito marocchino invase quelle terre e le donne, i bambini e gli anziani fuggirono verso l’Algeria che concesse loro di vivere nel deserto dell’Hammada. Dal 1975 niente è cambiato; molte risoluzioni ONU dichiarano che i saharawi hanno il diritto di tornare a vivere nella loro terra, ma restano inascoltate e questo popolo continua a vivere sia pur dignitosamente il suo esilio nei campi profughi, dove ha costruito scuole e ospedali. Si ringraziano i gestori del Circolo di Margine Coperta. Per informazioni telefonare all’Associazione Culturale e Teatrale Progetto Idra 3351219819 oppure all’Associazione Al Sadaqa 3771671015